Un giretto per Rouen

Attualmente in :Home/Fotografia, Viaggio/Un giretto per Rouen

Il nostro viaggio in Normandia è iniziato all’autonoleggio di Beauvais, l’Orio al Serio di Parigi per intenderci, dove, ironia (tutta francese) della sorte ci han dato una macchina americana, una FIAT Grande Punto, che, pur essendo nuova di pacca (30.000 Km) aveva l’agilità e la verve di una vacca da pascolo in coma, evabbeh, in compenso consumava poco. Da Beauvais siamo partiti in direzione nord, verso il mare per ammirare la costa di Alabastro e le sue famose falesie, ma strada facendo, abbiamo deciso di scegliere, come prima tappa del nostro giretto, la città di Rouen: sì, esattamente dove han bruciato (pare) Giovanna D’Arco.

ORDINA O SCARICA!
Alcune foto sono disponibili per il download in alta risoluzione o può esserne ordinata una stampa su grande formato (oltre 180 x 120 cm) su diversi materiali e supporti (carta fotografica, tela, alluminio). Attenzione! Le dimensioni dei prodotti sono espresse in POLLICI (1pollice=2,54cm)
ORDINA O SCARICA!

Anche se, ogni volta che arrivo in un posto nuovo, ovunque esso sia, il mio primo commento è “son PERPLESSO” (che sta a riassumere un : “mah, non me lo aspettavo mica così sto posto nuovo…”), devo dire che la passeggiata di un paio d’ore, con giusto il tempo per prendere qualcosa da bere e curiosare un po’ senza approfondire troppo, mi è piaciuto parecchio. La città vecchia, con le sue caratteristiche facciate è molto pittoresca, e a me ha ricordato un po’ uno di quei paesini disegnati in Asterix, (in realtà me li ha ricordati tutta la Normandia e generalmente lo fanno tutti i paesini francesi). Specialmente per chi non è abituato al tipo di architettura, le costruzioni antiche risultano molto piacevoli alla vista e tutte nel tipico stile a cui abituerò l’occhio nei giorni seguenti.

Il tempo, per tutto il viaggio, e come pare sia normale per la Normandia, è stato decisamente molto variabile, passando da rapide occhiate di sole in mezzo a densi nuvoloni fino a soltanto densi nuvoloni con pioggia e conseguente vento a raffiche; quindi, se vi piacciono le mie foto di cieli tempestosi con nuvole esagerate (sulle quali pare io sia abbastanza versato) preparatevi, perché tutte quelle che ho fatto nel corso di questo viaggio hanno un che di apocalittico. Tornando alla città, purtroppo l’orario della giornata non ha regalato grosse emozioni o luci particolari (fotograficamente parlando), e anche l’assenza di personaggi caratteristici, non è stata molto d’aiuto alla causa (infatti fotografare gli abitanti di Rouen è un po’ come fotografare quelli di una qualunque media città italiana o tedesca non andina o araba).

Nonostante in città ci siano diverse belle cattedrali e qualche pregevole palazzo governativo, nonchè la chiesa dedicata a Giovanna D’Arco (prima si brucia una ragazzina e poi le si fa una chiesa per ricordarla) ho deciso di riportare solo qualche scatto di alcuni scorci della parte vecchia, così, per dare un idea di massima di quello che ho visto: stretti vicoli, disegnati da case dalle facciate molto alte e con travi di legno a vista che le adornano di motivi geometrici, fino al caratteristico grande orologio in stile gotico rinascimentale risalente al 1389, costruito da Jourdain Delestre e Jean de Felains e chiamato appunto Gros-Horloge che rappresenta effettivamente il simbolo di Rouen.

Per gli scatti che vi presento, ho optato per il mio fido grandangolo Nikon 16-35 VR f/4 senza polarizzatore vista la già scarsa disponibilità di luce, ho scattato a mano, e ho scelto per alcune foto l’HDR, in modo da recuperare tutti i particolari delle case, anche quelli in ombra enfatizzando molto i colori e i particolari.

Sicuramente, trascorrendo più giorni e generalmente più tempo a Rouen, avrei potuto ottenere qualcosa di più spettacolare, ma la Normandia è grande, il viaggio appena all’inizio, i posti da vedere tanti, e quindi, si riparte, piano piano sulla Grande Punto Spompata.

Destinazione Dieppe ed Etretat sul Canale della Manica!

[wpfblike]

 

2017-01-18T15:15:36+00:00 Sunday, 25 May, 2014|Fotografia, Viaggio|Comments Off on Un giretto per Rouen

About the Author:

Viaggiatore, fotografo, appassionato di tecnologia, libero pensatore. Il resto, lo trovate qua : About ME