36 megapizze!

Cosa vuol dire avere un sensore ad altissima risoluzione.

[fusion_builder_container hundred_percent="yes" overflow="visible"][fusion_builder_row][fusion_builder_column type="1_1" background_position="left top" background_color="" border_size="" border_color="" border_style="solid" spacing="yes" background_image="" background_repeat="no-repeat" padding="" margin_top="0px" margin_bottom="0px" class="" id="" animation_type="" animation_speed="0.3" animation_direction="left" hide_on_mobile="no" center_content="no" min_height="none"][fusion_fontawesome icon="fa-file-text-o" circle="yes" size="large" iconcolor="" circlecolor="" circlebordercolor="" animation_type="0" animation_direction="down" animation_speed="0.1"/]

Come alcuni di voi sapranno, per fare le mie foto, uso una Reflex Nikon D800, che è dotata di un esagerato sensore che vanta ben 36 megapixel di risoluzione; risoluzione che solo pochi anni fa era caratteristica solo di costosissimi apparecchi appartenenti alla classe "medio formato", come ad esempio i famosi Hasselblad  (Che peraltro oggi arrivano e superano gli 80 megapixel).

Una risoluzione così alta, ha dalla sua parte sicuramente qualche vantaggio, come la possibilità di ritagliare (crop) parti di immagine ottenendo comunque foto stampabili a dimensioni discrete (posso ad esempio ritagliare 1/3 di superficie dell'immagine conservando tutta la risoluzione che garantiva una D3s o una D300, D90, D700) o ancora permettere stampe 1 a 1 (cioè non riscalate) della dimensione di un poster, o anche di una parete senza perdere praticamente dettaglio.

Tuttavia da grandi megapixel, derivano grandi responsabilità.

Ad esempio, primo tra tutti, l'ingombro dei dati: se prima una foto se ne stava in sì e no 8-10 Megabyte, ora il nostro Hard Disk dovrà dedicargliene il triplo per non parlare del suo sviluppo in TIFF che andrà ad occupare circa 220 Megabyte. Spaventoso vero? C'è da dire che oggi, fortunatamente, gli hard disk costano anche molto meno, l'importante è scordarsi, per ora, il backup su cloud.

In seconda battuta, serve comunque un computer un po' più potente nella gestione e nello sviluppo delle foto, nulla di mostruoso comunque, io col mio "vecchio" iMac del 2009 (i7 con 16gb di RAM) me la cavo ancora bene pur adattandomi a qualche attesa in più, ma visti i volumi lavorati, posso sopportarla.

Poi c'è il problema delle memory card e della salvaguardia dei dati: se viaggiate per fare foto, non vi bastano mai; per fortuna la Western Digital ha inventato un hard disk che permette il backup delle SD senza passare per un computer e il controllo dei contenuti via iPad/iPhone. Altrimenti andrebbero stimate circa due memory card (una Secure Digital + una Compact Flash in modalità backup) per ogni giorno di viaggio di capienza non inferiore ai 16gb l'una (su 16gb la D800 memorizza circa 200 raw).

Infine, tralasciando tutte le problematiche inerenti all'immagine derivanti da una risoluzione così alta (obiettivi adatti, micro-mosso facilissimo, sensibilità alle vibrazioni superiore), tra le altre cosucce di cui tener conto c'è il famigerato, maledetto, onnipresente sporco sul sensore, fastidio di cui sarete al riparo finché la macchina è nuova, poi non ci sarà pulizia che tenga, qualche maledetto puntino, sarà sempre lì, invisibile su una foto sul visore della macchina fotografica, ma un faro se stampate 1 a 1 o la guardate al 100% su un monitor, sarà lì a ricordarvi che avete una risoluzione da ben 36 milioni di punti.

[fusion_imageframe lightbox="yes" style="bottomshadow" bordercolor="" bordersize="0px" stylecolor="" align="center" animation_type="0" animation_direction="down" animation_speed="0.1"]The sun sets on dramatic red sky over the Olrtrepo Pavese Countryside, italy[/fusion_imageframe]

- Red and Blue Hour -

[/fusion_builder_column][fusion_builder_column type="1_1" background_position="left top" background_color="" border_size="" border_color="" border_style="solid" spacing="yes" background_image="" background_repeat="no-repeat" padding="" margin_top="0px" margin_bottom="0px" class="" id="" animation_type="" animation_speed="0.3" animation_direction="left" hide_on_mobile="no" center_content="no" min_height="none"][fusion_tagline_box backgroundcolor="#eeeeee" shadow="yes" shadowopacity="0.9" border="1px" bordercolor="" highlightposition="left" link="http://riccardomantero.smugmug.com/" linktarget="_blank" buttoncolor="green" button="ORDINA O SCARICA!" title="" description="La foto è disponibile per il download in alta risoluzione o può esserne ordinata una stampa su grande formato (oltre 180 x 120 cm) su diversi materiali e supporti (carta fotografica, tela, alluminio). Attenzione! Le dimensioni dei prodotti sono espresse in POLLICI (1pollice=2,54cm)" animation_type="0" animation_direction="down" animation_speed="0.1"][/fusion_tagline_box]

Oppure, come nel caso che vi riporto qua , vi riserverà delle incredibili sorprese, come microscopici particolari che non potevate notare al momento dello scatto ma che il sensore ha diligentemente annotato e poi vi ha spiattellato lì, in bella mostra, sulla vostra foto, come degli UFO, facendovi pensare di aver buttato i soldi dell'ennesima pulizia; mentre, come in questo caso, si tratta di uccelli; probabilmente piccioni che mentre scattavo la foto, si facevano bellamente gli affari loro a 1 km di distanza. Infatti, se guardate nella foto originale, in basso, sulla seconda cresta di colline, un pochino spostata verso destra si vede una piccola torre con sopra un serbatoio per l'acqua, attorno alla torre si vedono diversi puntini, come vi ho riportato nel ritaglio sotto (e che nella foto originale ho rimosso per ovvi motivi):

36megapxl1

Ora ingrandendo l'immagine con un rapporto di 1 a 1, così da darvi un idea di cosa vuol dire 36 megapixle rispetto all'originale, si vedrà chiaramente di cosa si tratta, ovvero, semplici uccelli e non polvere sul sensore.

36Megapixel2

Per concludere il bilancio, un sensore da 36 megapixel, è fantastico, ma come ogni aggeggio di alta precisione, gli va riservata la stessa precisione che restituisce, altrimenti saranno solo grattacapi. Se non avete l'esigenza di stampare a grandi dimensioni, o di croppare parti di foto, forse fa più al vostro caso qualcosa con una risoluzione meno spinta dei 36 megapixel di una D800, magari un ancora ottima D700 o D610 o una D750, tutte full frame dotate di ottimi sensori ma meno spinte dal punto di vista della risoluzione (si va da 13megapixel a 20, comunque più che sufficienti per qualunque tipo di fotografia).

Perchè io ho una D800 dunque? Ma perché sono un fanatico! E perché queste stampate a grandissime dimensioni, fanno la loro porca figura.

Ciao!

[/fusion_builder_column][fusion_builder_column type="1_1" background_position="left top" background_color="" border_size="" border_color="" border_style="solid" spacing="yes" background_image="" background_repeat="no-repeat" padding="" margin_top="0px" margin_bottom="0px" class="" id="" animation_type="" animation_speed="0.3" animation_direction="left" hide_on_mobile="no" center_content="no" min_height="none"][wpfblike][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]